Con il Consiglio del CONI dell'Emilia Romagna e le premiazioni ad atleti e skimen della regione che hanno partecipato alle Olimpiadi di Pechino, si è chiusa la prima edizione di “Liberamente”, la Fiera del tempo libero, che ha ospitato due padiglioni, il 21 e 22, completamente dedicati allo sport, con 28 federazioni presenti e sei enti di promozione.

L'assise dei 50 presidenti delle federazioni sportive è stata aperta dalla vice presidente nazionale del CONI Silvia Salis, che ha portato i saluti di Malagò e presentato il suo libro “La bambina più forte del mondo”. E' stata l'occasione per riabbracciare l'amica di tanti allenamenti e trasferte Ester Balassini e complimentarsi con il presidente Dondi e i suoi collaboratori per la bella iniziativa. Visita a sorpresa, quella di Andrea Lucchetta, che con la sua simpatia trascinante, ha portato qualche minuto di ricordi e risate.

Al centro dell'intervento di Andrea Vaccaro, vice presidente CONI e direttore della scuola regionale dello sport, la relazione di alcuni numeri interessanti che caratterizzano lo sport emilianor omagnolo. Il dato principale riguarda la percentuale dei tesserati per le federazioni sportive in regione al 2019, quindi prima della pandemia che è pari al 10,5%, un dato che non tiene conto delle discipline associate e degli enti di promozione e che quindi, quando si potranno unire anche questi dati, si potrà ulteriormente alzare il numero di color che praticano attività agonistica. La provincia con il dato più alto è Rimini con il 15,2%, quello più basso Reggio Emilia con l' 8,9%, mentre Bologna con il 9,2 è dietro a Ferrara (9,6) ma davanti a Forlì (8,8) e Modena (8,9). Sopra al 10% Parma (10,1), Ravenna (12,1) e Piacenza (12,7).

IMG 20220403 101724Alla fine del 2021 sono stati elaborati i numeri di tesserati, in qualche caso con importanti cali nelle ultime due stagioni. Il totale degli atleti allo scorso 31 dicembre è di 361570, di cui il 69,2% uomini e il 30,2% donne, ma con un trend in crescita di queste ultime del 3,4%. Diverso il discorso se si guarda la pratica sportiva in generale, con una media per la percentuale femminile del 37,7%, diversificata in maniera importante nelle singole province. Si va dal virtuoso 42,6% di Reggio Emilia anche se in calo del 1,3%, al 30,2% di Ravenna, anche in questo caso in calo del 3,5%. L'aumento maggiore di sport al femminile si ha a Bologna con il +5,8% e si raggiunge il 37,8%, seguita da Ferrara (+4,5%) che porta il dato estense al 41,9%, a Modena che registra un +3,9% per una percentuale totale del 41,3%. Vistoso calo a Rimini, con il -4,3% che abbassa la percentuale di sport al femminile al 32,3%, infine Forli-Cesena siamo al 33,9% (+1,9), Piacenza ad un ottimo 42% (+3,7) e Parma (38% (-0,6).IMG 20220403 120347

PREMIAZIONI

La mattinata si è conclusa con la premiazione da parte dei due Panathlon di Bologna, che hanno annunciato un processo che a breve li riporterà ad un'unica realtà, e da parte dell' ANSMes dei partecipanti alle Olimpiadi. Ai due atleti Lorenzo Bilotti, frenatore del bob a quattro e del pattinatore Matteo Guarise, si sono aggiunti gli skimen di diverse nazioni, Federico Fontana e Giovanni Ferrari (USA), Gianluca Marcolini (Norvegia), Simone Biondini (Italia). Unico a non poter essere presente lo slalomista Giuliano Razzoli.

 

IMG 20220403 101616

E' stato approvato all'unanimità il bilancio di un anno di presidenza e sono molto soddisfatto – ha detto al termine il presidente del CONI Emilia Romagna Andrea Dondi – e la presenza della vice presidente Salis testimonia la vicinanza al territorio del CONI Nazionale. Questa esperienza in fiera ci ha portato a realizzare tre giorni di promozione gratuita di ogni tipo di specialità e fa parte di una delle nostre priorità, portare lo sport in mezzo alla gente. Attraverso la Scuola dello sport lavoriamo per preparare nuovi dirigenti, capaci di affrontare le sfide del futuro e di poter radicare sempre di più lo sport nel territorio”.

IMG 20220403 111602