Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

GrandiBrunoLa notte scorsa ci ha lasciato il professor Bruno Grandi, uno dei più grandi dirigenti sportivi della storia italiana.

Nato a Forlì nel 1934, in più di sessant’anni ha percorso tutte le tappe da atleta a giudice arbitro, da tecnico (dal 1969 al 1977 direttore tecnico della nazionale maschile) a dirigente (dal 1977 al 2000 presidente federale) nel mondo della ginnastica culminate con l’elezione, dal 1996 al 2016, a presidente mondiale in un periodo in cui questa disciplina ha compiuto passi da gigante sia dal punto di vista tecnico che mediatico; inoltre per un quadriennio è stato anche membro del Cio.

A livello italiano ha ricoperto per sei mesi anche l’incarico di reggente del Coni, subito dopo le dimissioni del presidente Pescante; in giunta nazionale dal 1984, ha rivestito anche il ruolo di vicepresidente vicario dal 1987 al 2005.

E’ stato anche presidente dell’Istituto della Scienza dello Sport del Coni e docente di scienze motorie all’università di Urbino; commendatore della Repubblica, non si contano poi i riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale, in particolare il Collare d’Oro del Coni e il ‘Flambeaux’ d’oro del Panathlon International.

Il presidente del Coni Emilia-Romagna Suprani e il presidente emerito Reverberi, unitamente al Comitato, alla Giunta ed al Consiglio regionale, s’inchinano alla sua memoria, esprimendo le più sentite condoglianze alla signora Franca, ai figli Fabrizia, Fabio e Massimo e a tutta la famiglia della ginnastica italiana che perde un faro di riferimento, una guida non solo tecnica, una figura di grandi vedute e sinonimo di generosità, umanità, passione, competenza e spirito di sacrificio.

Ci lascia un’eredità pesante e di grande prospettiva anche perché fino all’ultimo ha pensato e progettato per il bene dello sport, non solo della ginnastica. Ora non bisognerà frapporre tempo ed ostacoli alla realizzazione del Museo nazionale della ginnastica a Forlì, nella restaurata sede dell’ex Gil, voluto in prima persona proprio da Bruno.

La camera ardente sarà aperta in Municipio, in piazza Saffi, domenica 15 dalle 10 e alle 19 e lunedì 16 dalle 8.30 alle 14. I funerali si terranno dalle 14:30 nella chiesa parrocchiale di S. Giovanni Evangelista in via Angeloni.