Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

0001

Tre ori, due argenti ed un bronzo costituiscono lo splendido bottino della pattuglia emiliano-romagnola alla terza edizione delle Olimpiadi Giovanili svoltesi a Buenos Aires ed in cui l’Italia (84 gli atleti e le atlete Under 18 impegnate) è risultata quarta nel medagliere dietro a Russia, Giappone e Cina.

Sul più alto gradino del podio sono saliti – a livello individuale – i bolognesi Giacomo Casadei nell’ equitazione, con due percorsi netti, nel salto ad ostacoli e Sofia Tomasoni, dominatrice nel kitesurf, la nuova disciplina velica che aspira a diventare olimpica anche ai massimi livelli; mentre, a livello di competizioni a squadre (continentali), il riminese Alessio Crociani, nel triathlon,ha fatto parte della vittoriosa staffetta mista europea.

Le medaglie d’argento portano la firma dello stesso Casadei nel concorso a squadre, difendendo i colori europei, e della riminese Nicol Bertozzi, nel beach volley in cui, nell’arco del torneo, assieme alla vastese Scampoli, ha perso una sola volta contro la coppia russa, campione del mondo e d’Europa in carica. Il bronzo è stato conquistato, nella prova individuale, dal triathleta Alessio Crociani, peraltro in testa dopo nuoto e ciclismo.

Gli altri nostri portacolori sono fatti tutti onore: quinto posto per la canoista modenese Lucrezia Zironi e, nell’atletica, per la marciatrice bolognese Simona Bertini; settimo posto, nell’inedita prova a squadre (strada e mountain bike) per la ciclista ravennate Sofia Collinelli; infine nella versione ‘beach’ della pallamano, ottava piazza per gli azzurrini, la cui porta era difesa dal ferrarese Giovanni Pavani.