Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

cocconcelli

Decisamente splendido il bilancio dei nostri giovanissimi atleti, che hanno difeso i colori italiani al Festival Olimpico Giovanile Europeo (EYOF) a Gyor, in Ungheria, riconosciuto dal Cio e trampolino di lancio per le Olimpiadi Giovanili del prossimo anno a Buenos Aires. Nel nuoto la bolognese Costanza Cocconcelli, portacolori della President-Azzurra'91 CSI di Bologna, ha fatto la parte del leone vincendo l’oro nei 50 stile libero, il bronzo nei 100 dorso e nei 200 misti; inoltre ha fatto parte della staffetta 4x100 stile mista giunta seconda, fra i cui frazionisti c’era anche Sofia Morini (Novellara). Il ranista cavriaghese Fabio Coppola (Reggiana Nuoto) è stato medaglia di bronzo nella 4x100 mista maschile.

En-plein nella pallavolo con entrambe le rappresentative sul gradino più alto del podio. In campo maschile gli azzurrini, con Davide Gardini (Ravenna), Francesco Recine (Ravenna) e Diego Cantagalli (Cavriago-Re), nella finalissima hanno avuto ragione (3-1) della Francia, da cui avevano perso nelle eliminatorie. Percorso netto in campo femminile: cinque partite ed altrettante vittorie con quella conclusiva al tie-break sulla Bielorussia. Nel drappello azzurrino il libero era Sara Panetoni (Ravenna); nell’organico anche Francesca Scola, ora tesserata per un club romano, ma proveniente dal vivaio dell’Anderlini Modena.

Elisa Iorio

 

Due medaglie anche al collo della canoista Lucrezia Zironi (Canottieri Mutina): oro nel K2 m.200 e argento nel K4 misto m.200. La serie delle medaglie d’oro è completata dalla ginnasta modenese Elisa Iorio (Panaro), che ha trionfato nelle parallele assimetriche,  è stata argento nel concorso femminile a squadre e quarta nel concorso individuale.Lucrezia

 

 

 

Completavano la nostra pattuglia in terra d’Ungheria la ciclista ravennate Sofia Collinelli, portabandiera tricolore nella cerimonia ed impegnata nella crono-individuale e nella prova in linea su strada; le cestiste Sofia Bini (Bibbianese), Eleonora e Noemi Duca (gemelle riminesi, tesserate per Libertas Rosa Forlì) giunte al settimo posto; uguale piazzamento per la formazione maschile, nel cui roster era Arcangelo Guastamacchia (Virtus Bologna).