Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Paolo Boni

Il mondo sportivo bolognese piange la scomparsa di Paolo Boni, per molti anni collaboratore del CONI dell'Emilia Romagna e del Comitato provinciale di Bologna. Paolo aveva 72 anni e da tempo la sua salute era piano piano peggiorata.

Dal 1986 al 1993 ha lavorato nell'ufficio di educazione fisica del Provveditorato agli studi, diventanto la figura di riferimento e di coordinamento tra le istituzioni. Anche dopo aver concluso la carriera lavorativa (“ma la sua scrivania è ancora lì, come il suo ricordo indelebile – afferma Andrea Sassoli, coordinatore regionale di educazione fisica”) ha continuato a collaborare per il CONI di Bologna e dell'Emilia Romagna nell'organizzazionme dei Giochi della Gioventù e Campionati Sportivi Studenteschi, mostrando un'umanità, passione, pazienza e umiltà non comuni. Aveva sempre una parola buona per tutti, cercando sempre l'aspetto positivo delle cose. Il suo carattere lo portava a risolvere i problemi prima di cercare le responsabilità e questo dava a tutti la certezza di un collaboratore affidabile e sempre disponibile.

Il CONI Point di Bologna e il CONI dell'Emilia Romagna si stringono alla famiglia porgendo le più sentite condoglianze alla moglie Anna e ai tre figli.